Associazione di Fisioterapisti nata per promuovere e tutelare la Rieducazione Posturale Globale di Ph. E. Souchard
Sede legale: Via Leucatia, 11 95125 Catania Italy
Sede operativa: Via Torino, 579 10015 Ivrea (TO) Italy
AIRPG srl P. iva, cod. fiscale e n. iscr. al R.I.C.C. di Catania: 04701290878 N. REA C.C. di Catania: 313280 Cap. soc. i. v.: € 10.000,00

martedì 5 giugno 2012

Detraibilità prestazioni fisioterapiche: finalmente risolto ogni dubbio interpretativo


L’Agenzia delle Entrate, con Circolare n. 19 del I giugno 2012, su richiesta di alcune associazioni di operatori rientranti nelle “professioni sanitarie riabilitative” ha modificato il precedente orientamento (circolare 1° luglio 2010, n. 39/E, par. 3.2) secondo cui le prestazioni sanitarie erano ritenute detraibili, purché prescritte da un medico.
Il Ministero della Salute, interpellato nel merito, ha fatto presente che l’evoluzione delle professioni sanitarie ha portato ad una progressiva autonomia e all’assunzione di responsabilità dirette dei professionisti e che la natura sanitaria di una prestazione non può essere definita sulla base del fatto che la stessa sia erogata a seguito di una prescrizione medica. Per questo motivo il decreto del Ministro della Salute di concerto con il decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 17 maggio 2002, non prevede più l’obbligo della prescrizione medica ai fini dell’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto.
Sulla base di tale parere, l’Agenzia delle Entrate ammette alla detrazione d’imposta di cui all’articolo 15, comma 1, lettera c), del TUIR le spese sostenute per le prestazioni sanitarie rese alla persona dalle figure professionali elencate nel decreto ministeriale 29 marzo 2001, anche senza una specifica prescrizione medica.
Ai fini della detrazione, dal documento di certificazione del corrispettivo rilasciato dal professionista sanitario dovranno risultare la relativa figura professionale e la descrizione della prestazione sanitaria resa.